martedì 19 luglio 2016

il killer digitale...

Dai dati ACI-ISTAT emerge una notizia preoccupante: dopo 15 anni di calo delle vittime della strada, l'ultima statistica 2015 consolidata registra invece un 2015 in cui i lenzuoli bianchi aumentano a 3.419 rispetto a 3.381 del 2014. Attenzione ben 38 vittime in più!!! Questo nonostante siano diminuiti il numero di incidenti dai 177.031 del 2014 ai 173.892 del 2015. Il problema è che gli incidenti verificatisi sono più gravi e lo dimostra anche l'aumento del 6% dei feriti gravi.

Ma tra tutti il dato più rilevante è che l'80% degli incidenti gravi è causato dallo SMARTPHONE. Ebbene si, un killer che ci portiamo dentro la tasca. La spiegazione della gravità è giustificata dal fatto che con lo smartphone in mano manca del tutto l'azione di frenata essendo distratti dal display. Un solo dato per capire: le statistiche ci dicono che, con lo smartphone usato per la messaggistica (mail, Sms, whatsapp, social, ecc.) se ne vanno mediamente 10 secondi: a 100 km/h percorriamo così 280 metri (due campi e mezzo di calcio) al buio. A 50 km/h, saranno 140 metri. Uno spazio enorme specie in centro abitato.

Tanti i progetti come Mamma Sogni D'Oro per sensibilizzare ad una guida più responsabile. Possiamo citare #GUARDALASTRADA, #MOLLASTOTELEFONO, #GuidaeBasta ma secondo uno studio Doxa-Direct Line un italiano su due non rinuncia al cellulare, nemmeno alla guida.

La riflessione che vogliamo lasciare è che dovremmo tremare al numero di 3.381 morti così come ci preoccupiamo e riflettiamo quando sentiamo di certi avvenimenti tragici solo che, in questo caso, a farci del male siamo noi.

Per chi ha la sensibilità ed il coraggio di rinunciare allo smartphone durante la guida ma comunque non riesce a resistere alle tentazioni delle notifiche consigliamo l'APP Clear Lock per Android: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.clearproductivity.clearlock oppure Freedom per gli utenti della mela: https://itunes.apple.com/us/app/freedom-reduce-distractions/id960372431?mt=8

Nessun commento:

Posta un commento